sabato 13 Aprile 2024

“Sui dati deludenti relativi alle vendite delle auto elettriche in Italia pesa in modo non indifferente la scarsa informazione dei cittadini verso tale tipologia di vetture, con le scelte degli automobilisti troppo spesso influenzate da bufale, fake news e informazioni errate circolanti in rete in tema di elettrico”. Lo afferma Federcarrozzieri – l‘associazione delle autocarrozzerie italiane – commentando le dichiarazioni odierne di Federmotorizzazione-Confcommercio.

 

Federcarrozzieri: “Dati vendite auto elettriche? Pesano fake news”

 

“Proprio per sfatare le troppe fake news che circolano in Italia in merito alle auto elettriche e aiutare i cittadini a compiere scelte consapevoli”, Federcarrozzieri ha realizzato “una guida pratica che smentisce i principali 10 miti sbagliati relativi ai veicoli ad alimentazione elettrica”:

 

  1. Le auto elettriche prendono fuoco facilmente. Falso: i veicoli ad alimentazione elettrica presentano il medesimo rischio di incendio delle auto a motore termico, e la presenza di una batteria al litio non alimenta affatto la possibilità di fenomeni incendiari. Le auto elettriche in commercio, al pari degli altri veicoli, prima della messa in commercio devono superare dei controlli specifici, alcuni relativi anche ai requisiti antincendio. Le motorizzazioni più a rischio incendio, semmai, sono quelle ibride, perché presentano molti più elementi meccanici ed elettronici. Ciò che cambia sono i tempi tecnici necessari per spegnere le fiamme, che secondo alcuni studi sarebbero più lunghi in caso di batteria al litio a fuoco.

 

  1. L’auto elettrica inquina come quelle termiche se non di più. E’ una delle fake news più ricorrenti: in verità, come confermato anche dai dati diffusi di recente da Sima (Società Italiana di medicina ambientale) le auto elettriche immatricolate oggi in Europa, nel loro intero ciclo di vita, emettono in media il 69% in meno di CO2 in atmosfera rispetto ad una vettura a gasolio, 75 grammi di CO2 equivalente per km nel suo intero ciclo di vita, contro i 250 g di CO2 di una vettura diesel. Senza contare che l’energia necessaria per ricaricarle proviene spesso da fonti rinnovabili (eolico, solare, ecc.).

 

  1. I motori a benzina e diesel oramai non inquinano più. Le auto a motore termico hanno senza dubbio fatto enormi passi in avanti sul fronte delle emissioni inquinanti, ma continuano purtroppo a rappresentare un enorme problema per la qualità dell’aria. Senza contare che l’efficienza di un motore elettrico si aggira tra l’80 e il 90%, quella di un veicolo a benzina si ferma al 30% e non supera il 40% per il diesel.

 

  1. Le batterie delle auto elettriche non si possono smaltire. E’ vero l’esatto contrario: possono essere recuperate, riciclate e riutilizzate ad esempio per creare unità di stoccaggio energetico per impianti fotovoltaici, prolungando così il loro ciclo di vita sotto altre forme.

 

  1. Le auto elettriche vanno ricaricate di continuo perché hanno bassa autonomia. Si tratta di una affermazione del tutto infondata: con una batteria da 50 kWh si possono percorrere in media tra i 250 e i 300 km, e numerose auto montano oggi batterie da 75/100 kWh che garantiscono autonomie elevate. Ricordiamo poi che, così come le auto a motore termico, il consumo dipende da numerosi fattori, come lo stile di guida del conducente, la tipologia di percorso, la velocità, il peso del veicolo, ecc.

 

  1. Ricaricare una auto elettrica è molto costoso. Falso: anche senza contare le frequenti impennate dei listini dei carburanti alla pompa, oggi tutte le società che gestiscono le colonnine di ricarica offrono pacchetti e abbonamenti per fidelizzare i clienti, offerte che consentono enormi risparmi sui costi per le ricariche. Va poi considerato che il costo del pieno ad una auto elettrica è pari a zero se si autoproduce in casa l’energia, ad esempio attraverso un impianto fotovoltaico.

 

  1. In Italia non ci sono abbastanza colonnine per le ricariche. Il numero di colonnine va sempre rapportato al numero di auto elettriche in circolazione. Oggi in Italia si contano più di 45mila punti di ricarica pubblici o aperti al pubblico e 25mila colonnine in 16.557 location. Al 31 dicembre 2023 il parco auto circolante completamente elettrico si attesta in Italia a 220.188 unità, una proporzione che smentisce del tutto la tesi secondo cui i punti di ricarica sarebbero nel nostro paese insufficienti.

 

  1. La batteria delle auto elettriche non sono in garanzia e perdono velocemente efficienza. Niente di più falso: oggi la maggior parte delle batterie gode di una garanzia del costruttore di almeno 8 anni o 160.000 km, e del miglioramento dei componenti dei rivestimenti e delle prestazioni. Recenti studi hanno evidenziato che dopo i 160mila km percorsi, le batterie riescono a conservare un 70-80% delle carica massima iniziale. Motivo per cui il tasso di sostituzione delle batterie è molto basso e attorno all’1,5%, escludendo i richiami effettuati da alcuni costruttori.

 

  1. Le auto elettriche non convengono perché costano molto di più rispetto a quelle a benzina e diesel. Nonostante i più elevati costi di listino, i prezzi delle auto elettriche stanno scendendo velocemente e presto si avvicineranno a quelli delle vetture tradizionali. Va considerato poi che, seppur in presenza di una innegabile maggiore spesa di acquisto, una automobile con motore elettrico consente risparmi su più voci, dal bollo alle assicurazioni fino ai parcheggi, passando per il pieno.

 

  1. Le auto elettriche hanno costi di manutenzione più elevati. Anche in questo caso, è vero l’esatto opposto. Una vettura a motore termico, in termini di manutenzioni ordinarie (senza incidenti, guasti, ecc.), ha un costo superiore rispetto ad una auto elettrica, che invece richiede una bassissima manutenzione. Quello che costa di più, semmai, sono gli interventi di riparazione in caso di sinistro con danni a motori e carrozzerie, in quanto le auto elettriche hanno una componentistica particolare che rende più complessi, lunghi e costosi i lavori delle autocarrozzerie.

 

SEGUICI SU GOOGLE NEWS
Soldi365.com è presente anche su Google News. Unisciti gratuitamente alla nostra pagina per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di economia, finanza, business e su tutti gli altri contenuti del sito. Seguirci è facile: basta CLICCARE QUI e selezionare il tasto “SEGUI“. 
UNISCITI ALLA COMMUNITY DI SOLDI365.COM:
FACEBOOKTWITTERINSTAGRAM YOUTUBE TELEGRAMLINKEDIN  
VISITA LE ALTRE SEZIONI DI SOLDI 365.COM:
HOME PAGEECONOMIA  – FINANZA – INVESTIMENTI – TRADING ONLINE – CRIPTOVALUTE – RISPARMIOBUSINESS – GIOCHI – SCOMMESSE – LUSSOGUADAGNAREBONUS E PROMOZIONIFORMAZIONETRASFERIRSI ALL’ESTERO GUIDE E TUTORIAL – EVENTIVIDEOCHAT –  FORUM

Lascia un commento

CHI SIAMO

Soldi365.com è un sito di informazione con notizie e approfondimenti su economia, finanza, trading online, criptovalute, investimenti, risparmio, mutui, prestiti, business, giochi, scommesse, lusso, opportunità di guadagno, bonus e promozioni, formazione, eventi, vivere all’estero, studiare all’estero, lavorare all’estero e aprire un’attività all’estero. Presente una sezione dedicata a guide e tutorial e un ampio spazio riservato ai lettori, che possono confrontarsi su tutti i temi trattati sul sito attraverso chat e forum.

© Copyright 2022 –  Soldi365.com – PI 01432840914 – Tutti i diritti riservati