sabato 13 Aprile 2024

“Bassi costi energetici, la Cina sceglie l’Africa per le sue criptovalute”. Così titola stamattina Il Sole 24 Ore.

La Cina sceglie l’Africa per le sue criptovalute

La maestosa Grand Ethiopian Renaissance Dam, conosciuta anche come “diga della Rinascita”, rappresenta un ambizioso progetto voluto dall’Etiopia per raddoppiare la sua capacità di generazione elettrica. Il governo, guidato da Abiy Ahmed, ha come obiettivo principale quello di contrastare la povertà energetica che affligge il secondo Paese più popoloso dell’Africa, puntando a illuminare il futuro del paese – riporta il quotidiano economico -. In attesa di questo risultato, vi sono obiettivi più immediati, come la fornitura di energia a basso costo per infrastrutture cruciali come i data center, fondamentali per l’elaborazione e la gestione dei dati, nonché per attività come l’estrazione di criptovalute. Abiy ha ribadito il suo impegno nel trasformare Addis Abeba in un importante centro per l’economia digitale, aspirando a competere con altre città africane già consolidate in questo settore, come Lagos in Nigeria, Città del Capo in Sudafrica e Nairobi in Kenya.

Una delle prospettive più promettenti sembra essere l’attività di mining di criptovalute, che consiste nell’esecuzione dei calcoli necessari per effettuare transazioni in valute digitali. Questo si traduce in un vantaggio reciproco, almeno nelle intenzioni delle autorità etiopi: il Paese attrae investitori esteri offrendo elettricità a prezzi convenienti e fornendo uno spazio fisico per le aziende provenienti da Paesi che hanno vietato le criptovalute, come la Cina. In cambio, si stipulano contratti che garantiscono un afflusso di valuta forte in un’economia in crescita.

Tuttavia, il rapporto del governo etiope con le criptovalute non è stato sempre lineare. Nel giugno del 2022, la Banca Centrale dell’Etiopia ha vietato il trading di bitcoin nel paese, seguita da un’ulteriore misura da parte dell’Information Network Security Administration che ha imposto a individui ed entità coinvolte nell’uso di criptovalute di registrarsi entro un determinato periodo di tempo. Questo ha lasciato la regolamentazione in uno stato di sospensione, con una confusione tra l’investimento illegale in criptovalute e la legalità o meno delle strutture coinvolte nella loro estrazione.

Nonostante questo contesto incerto, le società attive nel settore sembrano apprezzare le opportunità offerte dall’Etiopia. Secondo dati riportati da The Reporter nel febbraio 2024, le autorità etiopi hanno concesso un totale di 21 licenze a società impegnate nel mining di criptovalute, di cui 19 straniere, provenienti anche da Mosca e Pechino. Questo indica un crescente interesse da parte degli investitori internazionali nel settore delle criptovalute in Etiopia.

La società pubblica Ethiopian Electric Power, tramite il suo responsabile marketing e sviluppo aziendale Hiwot Eshetu, ha confermato che gli accordi sono stati siglati in valuta estera, stabilendo un prezzo di 3,14 centesimi di dollaro per kilowattora. Inoltre, a febbraio 2024, Ethiopian Investment Holdings, una società controllata dal governo etiope, ha annunciato la firma di un memorandum d’intesa del valore di 250 milioni di dollari per lo sviluppo di un nuovo data center in collaborazione con una società di Hong Kong, West Data Center. Tuttavia, successivamente sono emerse incertezze riguardo al valore finanziario dell’accordo e alla società esterna coinvolta.

L’attrattiva di Addis Abeba dovrebbe crescere ulteriormente con l’aumento della capacità energetica derivante dalla Grand Ethiopian Renaissance Dam. Nonostante le smentite delle autorità etiopi, voci di corridoio suggeriscono che il nuovo colosso idroelettrico potrebbe alimentare anche strutture come i data center, contribuendo così direttamente al settore dell’informatica.

Attualmente, l’Etiopia dispone di una capacità di generazione energetica di circa 5000 megawatt, una cifra destinata a raddoppiare grazie alla sola Grand Ethiopian Renaissance Dam. Il governo mira addirittura a raggiungere i 17000 megawatt entro il 2030, grazie all’ampio ricorso alle fonti rinnovabili.

 

SEGUICI SU GOOGLE NEWS
Soldi365.com è presente anche su Google News. Unisciti gratuitamente alla nostra pagina per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di economia, finanza, business e su tutti gli altri contenuti del sito. Seguirci è facile: basta CLICCARE QUI e selezionare il tasto “SEGUI“. 
UNISCITI ALLA COMMUNITY DI SOLDI365.COM:
FACEBOOKTWITTERINSTAGRAM YOUTUBE TELEGRAMLINKEDIN  
VISITA LE ALTRE SEZIONI DI SOLDI 365.COM:
HOME PAGEECONOMIA  – FINANZA – INVESTIMENTI – TRADING ONLINE – CRIPTOVALUTE – RISPARMIOBUSINESS – GIOCHI – SCOMMESSE – LUSSOGUADAGNAREBONUS E PROMOZIONIFORMAZIONETRASFERIRSI ALL’ESTERO GUIDE E TUTORIAL – EVENTIVIDEOCHAT –  FORUM

Lascia un commento

CHI SIAMO

Soldi365.com è un sito di informazione con notizie e approfondimenti su economia, finanza, trading online, criptovalute, investimenti, risparmio, mutui, prestiti, business, giochi, scommesse, lusso, opportunità di guadagno, bonus e promozioni, formazione, eventi, vivere all’estero, studiare all’estero, lavorare all’estero e aprire un’attività all’estero. Presente una sezione dedicata a guide e tutorial e un ampio spazio riservato ai lettori, che possono confrontarsi su tutti i temi trattati sul sito attraverso chat e forum.

© Copyright 2022 –  Soldi365.com – PI 01432840914 – Tutti i diritti riservati